mercoledì 4 maggio 2011

Yves Rocher Monoi de Tahiti



Conosciamo  tutti questa marca. E molto discussa, amata da alcuni, odiata da altri. Io mi trovo ancora in mezzo. Non la amo profondamente ma non la posso neanche odiare. Quello che più amo sono le profumazioni…soprattutto le creme per il corpo, viso, e capelli, i loro profumi…ma non sono del tutto convinta.
Questa marca si impegna a garantire efficacia, sicurezza e rispetto verso l’ambiente, il loro protocollo interno sui componenti dei  prodotti dicono che è  tra i più severi. Rifiutano  categoricamente qualsiasi materia prima di origine animale, ad eccezione del  miele e la cera d’api, e non fanno assolutamente test su animali.
Dal 1997, realizzano le loro colture in modo biologico, certificate da un ente qualificato e per controllare l’impatto ecologico dei  approvvigionamenti di piante, insistono in particolare sulla conoscenza delle filiere a monte, risalendo alle fonti e dando preferenza alle filiere "biologiche". Un’altra cosa della cui si vantano è quella che hanno 3 livelli di sicurezza per moltiplicare le garanzie ?????
1.       Controllo degli ingredienti in ingresso
2.       Controllo dei prodotti in fase d’elaborazione
3.       Controllo dei prodotti finiti
 Dal titolo avrete capito che parlerò dell’olio Monoi de Tahiti della Yves Rocher. 

Atenzione!!! Questo prodotto può provocare dipendenza , o meglio dire cattiva abitudine ? ha un profumo che ti porta vicino alle porte della pazzia , lascia si la pelle morbida e splendente . la parte brutta di questo prodotto e che contiene oli minerali al 50,5% e delude appunto per che è un “olio tradizionale di tiare” ma dentro ci sono ancora petrolati a quintali ( vuole fare concorrenza al petrolio puro). Da donne intelligenti come siamo sappiamo che il 90% dei prodotti che usiamo non fanno quello che promettono, ma Yves Rocher e una marca della quale tante di noi ci fidiamo. Facciamo un appello alla Signora Rocher e chiediamoli di togliere tutti i petrolati dai loro prodotti che altrimenti sarebbe un vero peccato.
Usando questo prodotto sulla pelle del corpo, dopo la doccia, ho notato che non resta unto ma perde presto il profumo. Sui capelli invece l’ho usato poco quindi non saprei cosa dirvi...
Il costo e di € 13 più o meno, la sua confezione e molto carina, estiva, e dentro troviamo una bottiglietta da 200 ml di prodotto, e devo dire che sono un po’ delusa dalla data di scadenza (6 mesi). L’ultima bottiglia l’ho  acquistata a ottobre dell’anno scorso e  me la sono dimenticata in una scatola insieme ad altre cose. Qualche settimana fa l’ho ritrovata e non avreste voluto vedere la mia faccia delusa quando sono andata a leggere la scadenza perché  ricordo di aver aperto la bottiglia più volte per annusarla. Come capirete non ho avuto l’intelligenza per buttarla e l’ho usata lo stesso. Mi consola almeno il fatto che è stata al buio, e comunque non ho riscontrato nessun tipo di problema usandolo .
Un’altra cosa non negativa ma un po’ scomoda per le più imbranate o sfortunate di noi è che la bottiglietta e fatta di vetro, e se non la maneggiamo con attenzione si potrebbe rompere.
Mi sono promessa a me stessa ma soprattutto alla mia pelle e capelli andare la caccia e trovare un prodotto simile, stesso profumo, stessi effetti ma con meno ingredienti cattivi e magari una scadenza più lunga.

Sotto vi scrivo quello che possiamo trovare scritto sulla confezione e gli ingredienti.
“ Olio di tiare tradizionale, Monoi de Tahiti 50,5%
Intensifica l’abbronzatura, protegge la pelle dalla disidratazione e restituisce brillantezza ai capelli. Ogni giorno usatelo per un massaggio sulla pelle per un’applicazione sui capelli (in complemento allo shampoo) o versatene un tappo nell’ acqua da bagno per ammorbidire la pelle. Non ha effetti protettivi contro i raggi solari poiché non contiene filtri. Naturale al 100%, il monoi può presentare occasionalmente un leggero deposito marrone  e/o rapprendersi e diventare bianco a temperature al di sotto dei 24 gradi (ritorna liquido con il calore).”
Ingredienti:
paraffinum liquidum, gardenia tahitensis, cocos nucifera, parfum, hexil cinnamal, amyl cinnamal, hydroxycitronellal, linalool, benzyl salicylate, tocopheryl acetate, butylparaben, alpha-isomethyl ionone, benzyl benzoate, geraniol, hydroxyisohexyl 3-cyclohexene carboxaldehyde, buthylphenyl methylpropional, benzyl cinnamate, citronellol, benzyl alcohol, amylcinnamyl alcohol.
Se non avessi saputo gli ingredienti sicuramente lo avrei ricomprato e ricomprato questo prodotto!!!!

7 commenti:

  1. L'odore del monoi crea davvero dipendenza! Quando l'ho sentito la prima volta ho detto "voglio vivere in un mondo al monoi" :-)
    Peccato per l'inci davvero pessimo...

    RispondiElimina
  2. speriamo che prima o poi qualcuno saltera fuori con un monoi migliore di inci :(

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. ragazze, scusate..visto che avete gia questi prodotti..mi potreste indicare l'inci dell olio secco prezioso monoi e dell olio secco sublimatore monoi sempre yves rocher? vorrei essere sicura degli ingredienti prima di acquistarli...e visto che non ho un negozio vicino x poterli andare a controllare...sto cercando disperatamente qualche inci su internet ma è moooolto difficile trovarli!! GRAZIEEE in anticipo :D

    RispondiElimina
  5. Ciao Alice, mi dispiace ma non ho i prodotti che mi hai indicato, di solito prendo questo al tiare, sopratutto se e in saldo haha :) chiedo un po alle amiche per vedere se qualcuna di loro li ha acquistati :)

    RispondiElimina
  6. x Alice: Io sono una Cdb ed ho la fortuna di conoscere bene sia la chimica che il mondo Yves Rocher. Ti posto gli ingredienti che ho (l'olio sublimatore me lo sono preso, l'altro, quello prezioso, l'ho venduto ad una cliente). o
    Olio secco sublimatore monoi: INCI: isopropyl palmitate* (verde/emolliente), coco-caprilate/caprate (verde/idratante), ethylexil palmitate (verde/emolliente), octyldecanol(verde/emolliente), caprylic/capric triglyceride* (verde/emolliente), cocos nucifera oil (verde/emolliente), sesamum indicum seed oil (verde/emolliente), parfum, tocopheryl acetate (verde/antiossidante), BHT (rosso/antiossidante), gardenia tahitianensis flower extract (verde), amyl cinnamal (giallo/profumo), benzyl alcohol (giallo/conservante)
    In quello prezioso gli ingredienti sono quasi gli stessi (non ce l'ho, ma avevo controllato), con in + la mica.

    RispondiElimina
  7. Ciao avete notato che il monoi ordinato attraverso la rivista domiciliare ha una profumazione differente molto più amara di quelli acquistati nel punto vendita? L inci mi dice 50% monoi in quello ordinato a casa, e 50,5% in quello acquistato presso i punti vendita. Non posso privarmi di quel profumo soave in quelle rare occasioni estive che me lo concedo a causa dell inci orrendo che possiede... Chi indaga per cortesia? Non vorrei che fosse il nuovo lotto in commercio !

    RispondiElimina